La Grande Giara: Tra i parchi da visitare assolutamente in Sardegna

Tramonto sulla Giara di Gesturi dal versante di Genoni

L'altipiano della Giara, sa "JARA" in lingua sarda, è una vasta zona di territorio sito nel centro della Sardegna, con una estensione di circa 45 Km quadrati, e un'altezza di circa 600 metri sopra il livello del mare.

Il nome Giara deriva probabilmente dal latino glarea (ghiaia), con riferimento alla diffusa pietrosità che contraddistingue l’altopiano.

La Giara iniziò la sua formazione nel miocene 20-25 milioni di anni fa, quando nella zona ancora sommersa dal mare, si formarono le rocce sedimentarie ma la formazione vera e propria è da far risalire al pliocene, 5-2 milioni di anni fa, quindi in tempi più recenti.

I costoni sono contraddistinti per ripide falesie di roccia lavica, in alcuni punti modellate da rapide cascatelle. La parte centrale è sorprendentemente piatta e interrotta da due rilievi, da Zepparadda e Zeppara Manna, punti panoramici notevoli dai quali osservare le pozze d’acqua, is palulis, che costellano la verdeggiante macchia mediterranea.

 Il Parco della Giara è conosciuto soprattutto come il luogo dove trovano rifugio i “Cavallini della Giara”, tra i pochi cavalli selvatici d’Europa. Tra tutti gli animali che vivono sulla Giara il Cavallino della Giara, "Equus caballus jarae", è senza dubbio il più famoso. Non avendo tracce fossili, o almeno non sufficienti a provare il contrario, si presuppone che l’animale sia presente in Sardegna dal periodo nuragico o nel periodo punico.

Tutto questo insieme di biodiversità della Giara e particolarità geologiche hanno portato il riconoscimento come Sito di Importanza Comunitaria e grazie alle sue notevoli valenze paesaggistico-naturalistiche, l’altopiano della Giara è stato inserito fra i nove parchi naturali previsti dalla Legge Regionale n° 31 del 1989

La Giara e visitabile sia singolarmente con le guide

 

Informazioni e prenotazioni via mail oppure chiama al +39 339 16 76 863